News ed eventi

Lusso sportivo per quattro: debutta a Ginevra la GranTurismo MC Stradale 4 posti

Svelata la protagonista dello stand Maserati insieme a tutte le versioni della nuova Quattroporte al debutto europeo.

 Nel momento in cui i riflettori sono puntati sulla nuova gamma – ad iniziare dalla nuova Quattroporte al debutto europeo alla rassegna elvetica – la Maserati rinnova quei modelli sport di lusso con cui ha posto le basi della crescita che caratterizzerà i prossimi anni.

Coerentemente con questa filosofia, a Ginevra debutta in anteprima mondiale la nuova GranTurismo MC Stradale a quattro posti, massima espressione della sportività unita al lusso del coupé made in Modena. Infatti, se la nuova Quattroporte è la prima Maserati costruita nel nuovo stabilimento Avv. Giovanni Agnelli di Grugliasco, la GranTurismo MC Stradale sarà costruita nello storico stabilimento di viale Ciro Menotti a Modena.

Come il modello precedente a due posti, la nuova GranTurismo MC Stradale quattro posti si ispira alla versione da pista che compete nel Trofeo Maserati, coniugando perfettamente sportività, lusso ed eleganza, comodità e stile, funzionalità e dinamismo – ora fruibili da quattro persone. Alle nuove caratteristiche estetiche esterne, di chiara connotazione racing, sottolineate dal nuovo cofano motore in carbonio che incornicia un’importante presa d’aria centrale e due estrattori posteriori e dai nuovi cerchi da 20” forgiati, la nuova GranTurismo MC Stradale abbina un abitacolo che prevede quattro comodi posti e un disegno degli interni rinnovato nei materiali e nello stile.

Confermato il motore V8 aspirato da 4.7 litri e 460 cavalli che ha debuttato sulla GranTurismo Sport e che ora, con l’installazione sulla nuova GranTurismo MC Stradale, è presente sull’intera gamma GranTurismo di 4,7 litri. Abbinato a un cambio robotizzato MC Race Shift a 6 rapporti, garantisce grandi prestazioni – velocità massima di 303 km/h – fruibili, in questa nuova configurazione, da quattro passeggeri. La sicurezza della vettura è garantita dai dischi freno carbo-ceramici Brembo. In ottemperanza ai principi Maserati, la nuova GranTurismo MC Stradale fa tesoro del lavoro svolto sul precedente modello in termini di riduzione dei consumi ed emissioni.

GRANTURISMO MC STRADALE

Maserati ha trasformato la sua bella e potente GranTurismo MC Stradale in un'auto altrettanto veloce ma ancora più pratica, tecnologicamente avanzata e più accattivante.

Nel 2010 Maserati aveva presentato la GranTurismo MC Stradale biposto abbinando armoniosamente le caratteristiche derivate dalle vetture da corsa del Trofeo con quelle della sua coupé GranTurismo. Quest'anno Maserati ha ripreso quei concetti e ha trasformato la leggera super coupé a due posti nella nuova GranTurismo MC Stradale a quattro posti.

Il nuovissimo cofano in fibra di carbonio non solo assicura la deportanza alle alte velocità e un migliore raffreddamento, ma ha permesso alla nuova GranTurismo MC Stradale di conservare quasi lo stesso peso a secco della precedente versione a due posti (1700 kg.). Tutto ciò consente alla nuova MC Stradale di essere l'auto più leggera e più veloce della gamma Granturismo sebbene ora offra grande comfort a quattro adulti invece che a due.

Il continuo sviluppo della GranTurismo MC Stradale dimostra anche che Maserati non ha trascurato l'importanza della sua gamma di coupé nonostante l'attenzione mondiale sia concentrata sul suo nuovissimo modello Quattroporte.

Equipaggiata con la versione più potente del propulsore V8 da 4,7 litri, la GranTurismo MC Stradale raggiunge i 100 km/h in appena 4,5 secondi e ha una velocità massima di 303 km/h.

La GranTurismo MC Stradale utilizza la versione più potente da 460 CV (338 kW) del V8 da 4,7 litri abbinato al cambio elettroattuato “MC Race Shift” a sei marce con schema transaxle.

Derivata dalla GranTurismo Sport, questa versione del classico V8 da 4,7 litri deve la sua potenza e, nel contempo, la sua efficienza nei consumi, al rivestimento DLC (Diamond-Like Coating) delle punterie e dei lobi dell’albero a camme previsto dal programma per la riduzione dell'attrito di Maserati.

Il cambio transaxle non solo permette alla GranTurismo MC Stradale di conservare una ripartizione ideale del peso tra anteriore e posteriore di 48:52, ma anche di incorporare la brillante strategia di cambiata MC Race per passaggi alle marce superiori in appena 60 millisecondi, 5 volte più veloce di un battito di ciglia. Lo schema transaxle prevede la collocazione del cambio all'interno dello stesso alloggiamento del differenziale asimmetrico a slittamento limitato.

Questo sistema di trasmissione permette anche di scegliere tra le modalità Automatic, Sport e Race, ognuna delle quali migliora progressivamente risposta dell'acceleratore, sound dello scarico e sistemi di controllo dello slittamento.

Un altro elemento derivato del mondo delle corse è il cambio sequenziale in scalata: è sufficiente tenere premuta la paletta del cambio mentre si aziona il freno perché l’auto scali progressivamente le marce fino a quando la paletta viene rilasciata.

Tutte le prestazioni dinamiche della GranTurismo MC Stradale sono supportate da un sistema frenante tra i più potenti in produzione, con grandi dischi carbo-ceramici su tutte e quattro le ruote.

Il diametro della pompa freni è di 27 mm per incrementare la potenza e per permettere una corsa del pedale più corta rispetto allo standard. I freni anteriori hanno dischi da 380 mm x 34 mm e pinze a sei pistoncini mentre quelli posteriori hanno dischi da 360 mm x 32 mm e pinze a quattro pistoncini.

L'auto monta inoltre quattro cerchi in lega da 20" più leggeri rispetto a quelli standard e pneumatici PZero Corsa (255/35 ZR20 all'anteriore e 295/35 ZR20 al posteriore) espressamente creati da Pirelli per assicurare maggiore aderenza e progressione.

Sospensioni e configurazione dello chassis potenziano le già eccellenti prestazioni su pista della GranTurismo MC Stradale senza sacrificare le caratteristiche di un'auto adatta per l'uso quotidiano.

L'assetto dello chassis è stato progettato per rendere l'auto facile da guidare e il più comoda possibile, conservando tutte le caratteristiche intrinseche in termini di handling, comfort e stabilità del passo lungo della GranTurismo.

Il passo lungo (2.938 mm) è ciò che assicura alla GranTurismo MC Stradale estrema maneggevolezza nelle condizioni più diverse, permettendole di trasformarsi rapidamente da auto da pista super-aggressiva in un'auto da città o adatta a percorsi autostradali.

Con il suo assetto ribassato di 10 mm all'anteriore e di 12 mm al posteriore rispetto alla GranTurismo Sport, ha la velocità di un'auto da corsa omologata per l'uso su strada, ma anche l'handling progressivo che la rende una super car sportiva dall'impiego estremamente versatile.

L'auto è stata sviluppata specificamente per essere comoda, progressiva, equilibrata e divertente per tutti i guidatori; è dotata inoltre di una modalità Race che la rende veloce in pista pur nella massima sicurezza.

Ciò che ha ulteriormente contribuito a esprimere il potenziale dell'auto è stato il mantenimento delle caratteristiche aerodinamiche della GranTurismo MC Stradale 2012 con l'aggiunta del cofano scolpito in fibra di carbonio. Traendo spunto direttamente dai programmi racing Trofeo e GT4, il cofano presenta una presa di aspirazione e due prese di estrazione dell'aria calda e offre il duplice vantaggio di ridurre il peso e di incrementare del 25 percento la deportanza frontale a 140 km/h.

Sviluppato sulla base dell’esperienza maturata in pista e di una complessa ricerca computazionale sulla fluidodinamica (CFD), il nuovo cofano incrementa la stabilità alle alte velocità senza aumentare la resistenza aerodinamica, soprattutto riducendo la pressione sotto il cofano.

La ricerca aerodinamica complessiva della vettura comprende diverse caratteristiche derivate direttamente dalla versione da pista.. Queste includono, oltre al nuovo cofano in fibra di carbonio, un profondo splitter frontale integrato nel paraurti anteriore, profonde minigonne laterali, un paraurti posteriore dal nuovo profilo e un pronunciato spoiler posteriore sul portellone.

Tutti questi elementi si combinano in un'unica soluzione aerodinamica integrata che utilizza tutta la lunghezza dell'auto per generare deportanza e per incanalare l'aria proveniente dai sistemi di raffreddamento del motore e dei freni nelle aree di massima deportanza e minima turbolenza.

La calandra nera e le finiture rosse sul Tridente permettono anche agli osservatori inesperti di capire che appartiene alla gamma MC di Maserati.

Alcune delle principali novità riguardano comunque gli interni della Maserati GranTurismo MC Stradale, dove quattro leggerissimi sedili sostituiscono i due sedili della precedente versione biposto del 2010.

I sedili anteriori devono il loro peso ridotto all'utilizzo della fibra di carbonio (optional) e perpetuano il lusso tipicamente Maserati con una combinazione di pelle e Alcantara. Tutti e quattro i sedili sono provvisti di poggiatesta per migliorare il sostegno e la sicurezza.

Le modanature standard sono in nero soft. I sedili sono disponibili di serie in Alcantara traforato per ottenere una finitura pratica ed elegante abbinata a cuciture rosse che riprendono le finiture del Tridente sulla calandra.

Per la Maserati GranTurismo MC Stradale sono disponibili tre tipi di volante, tutti dotati di pulsanti multifunzione e di corona con sezione inferiore piatta.

Sono proposti in pelle, in una combinazione di pelle e Alcantara o una combinazione di pelle e fibra di carbonio.

In linea con la maggiore aggressività degli interni, le palette della Maserati GranTurismo MC sono più lunghe rispetto a quelle delle altre GranTurismo per facilitare i cambi marcia nelle situazioni di guida più impegnative e sono abbinate alla pedaliera in alluminio forato.

DEBUTTO EUROPEO DELLA QUATTROPORTE V6 E V8


Il Salone dell'Auto di Ginevra 2013 vedrà anche il debutto europeo della nuovissima gamma Maserati Quattroporte:
• Quattroporte GTS (motore V8 twin turbo da 530 cavalli e trazione posteriore)
• Quattroporte S Q4 (motore V6 twin turbo da 410 cavalli e sistema di trazione integrale)
• Quattroporte S (motore V6 twin turbo da 410 cavalli e trazione posteriore)

La Quattroporte, nuova ammiraglia della gamma Maserati, è più grande, più leggera, più lussuosa e più funzionale dell'auto già acclamata in tutto il mondo che va a sostituire. Inoltre, con i suoi 307 km/h di velocità massima, può anche competere con la maggior parte delle supercar a due porte.

La Quattroporte di sesta generazione è una vettura che, pur anticipando il carattere altamente tecnologico dei nuovi modelli con cui Maserati intende sferrare il suo attacco al mercato, rimane fedele alle tradizionali caratteristiche delle berline sportive di lusso del marchio.

Il motore potente e l'abitacolo spazioso sono gli elementi cardine del design della Quattroporte, dominato da un frontale lungo e imponente e da una calandra concava con il simbolo del Tridente, e chiaro riferimento alla Quattroporte precedente e alla GranTurismo.

Nonostante tutti i nuovi accorgimenti tecnologici di cui è dotata, la nuova Quattroporte non si è allontanata dalle radici di Maserati. La Quattroporte GTS con motore V8 twin turbo non è soltanto la Maserati a quattro porte più veloce mai costruita, ma è anche quella più potente e che vanta i consumi più contenuti.

La nuova famiglia di motori a iniezione diretta si compone di un V8 da 3,8 litri e di un V6 da 3,0 litri. Questi due nuovissimi propulsori sono dotati di sovralimentazione turbo e sono stati progettati da Maserati Powertrain e assemblati dalla Ferrari a Maranello.

Il motore V8 da 3,8 litri definisce i nuovi standard prestazionali di Maserati raggiungendo i 100 km/h in appena 4,7 secondi e una velocità massima di 307 km/h. Rispetto alla Quattroporte Sport GT S è più veloce di 20 km/h e vanta una coppia più alta di 200 Nm. Con i suoi 285 km/h e 4,9 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h, anche le prestazioni del V6 biturbo sono di tutto rispetto.

Il V8 eroga 390 kW (530 CV) di potenza e 710 Nm di coppia (in overboost) mentre il V6 si attesta a 301 kW (410 CV) e 550 Nm di coppia.

Grazie a un cambio automatico a otto rapporti e alla trazione posteriore o integrale Q4, disponibile in abbinamento alla motorizzazione V6, è anche l'auto che garantisce, nella storia di Maserati, le prestazioni più sicure in tutte le condizioni stradali.

Il sistema intelligente di trasmissione a quattro ruote motrici Q4, compatto e leggero, è studiato per garantire massima trazione, coppia, comfort in tutte le condizioni e consumi ottimizzati.

Q4 è un sistema esclusivo Maserati, intelligente e attivo.
- intelligente: il sistema Q4 è in grado di ingaggiare, solo quando serve, la motricità anche sulle ruote anteriori, che altrimenti, a beneficio dei consumi e dell’handling, sono passive.
- attivo: il sistema Q4 varia continuativamente, attimo dopo attimo ed elaborando un’ampia serie di parametri, la distribuzione della coppia motrice sulle quattro ruote.

Le brillanti prestazioni della Maserati Quattroporte con motore V8 sono affiancate da una riduzione nei consumi e nelle emissioni del 20 percento rispetto alla precedente Quattroporte.

Grazie alla ripartizione dei pesi 50:50, alle sospensioni anteriori a doppio braccio oscillante e a quelle posteriori a 5 bracci, la nuovissima architettura mantiene lo straordinario handling tipico della Quattroporte. La disponibilità della trazione integrale aumenta anche la sicurezza e la certezza di poter affrontare qualsiasi condizione stradale.

L'auto impone anche nuovi standard qualitativi sotto ogni aspetto, dal design, allo sviluppo, alla produzione fino ai controlli di processo. È prodotta nel nuovo stabilimento “Avv. Giovanni Agnelli” di Grugliasco (Torino) in cui la tradizionale lavorazione artigianale di Maserati è affiancata dall'utilizzo di tecnologie all'avanguardia che sono in grado di garantire una qualità eccellente e costante.

Come da tradizione, anche l'abitacolo della Quattroporte è arricchito da dettagli lavorati artigianalmente. Aumenta inoltre l'offerta di spazio per tutti i passeggeri in entrambe le configurazioni a quattro e cinque sedili.

Il lussuoso abitacolo è anche altamente tecnologico, grazie al display Maserati Touch Control, ai pedali regolabili (solo guida a sinistra), alle telecamere per la retromarcia e all'impianto audio Bowers & Wilkins Premium Surround System da 15 altoparlanti (1280W), nonché alla compatibilità con i più moderni cellulari.

Con la Quattroporte originale del 1963, Maserati inventò il concetto di berlina sportiva di lusso, anche la nuova Quattroporte continua ad essere il punto di riferimento in termini di engineering di alta qualità, prestazioni da supercar e comfort da berlina.

LA GRANCABRIO MC


Dopo il suo debutto mondiale al Salone Internazionale dell'Auto di Parigi nel settembre 2012, la GranCabrio MC si è già dimostrata un enorme successo per Maserati.

La Maserati GranCabrio MC è la più veloce dall'attuale gamma cabrio ed è per questo motivo che l'interesse nei suoi confronti è rimasto immutato anche durante i mesi invernali.

Come la GranTurismo MC Stradale, la GranCabrio MC utilizza la versione top di gamma da 338 kW (460 CV) del motore V8 da 4,7 litri, che sviluppa anche una coppia di 520 Nm a 4.750 giri/min.

In combinazione con la configurazione MC Auto Shift del cambio automatico a sei rapporti, può raggiungere i 100 km/h in appena 4,9 secondi e 289 km/h con la capote chiusa.

La GranCabrio MC combina alte prestazioni e caratteristiche sportive derivate dai programmi racing di Maserati con lo stile, il fascino e la praticità dell'acclamata cabrio quattro posti.

Ispirata dal successo del magistrale adattamento delle caratteristiche racing per l'uso su strada della GranTurismo MC Stradale, la GranCabrio MC completa la sua gamma con un look altamente sportivo e aggressivo, pur mantenendo le caratteristiche e i punti di forza di una vera gran turismo adatta per i lunghi viaggi.

Il look atletico della GranCabrio MC è espresso da ogni elemento di design della sua carrozzeria, che fonde sportività, dinamismo, funzionalità aerodinamica, eleganza e stile.

L'auto è più lunga di 48 mm rispetto alla GranCabrio e alla GranCabrio Sport ed è caratterizzata da una calandra e da uno splitter frontali per ridurre la portanza e ottimizzare il flusso dell'aria ispirati direttamente dalla MC Stradale.

Rispetto alla GranCabrio, il coefficiente di portanza a 140 km/h della GranCabrio MC è inferiore del 10 percento all'anteriore e del 25 percento al posteriore.

Il cofano incorpora generose prese d'aria al centro per massimizzare il raffreddamento del V8 da 4,7 litri perfettamente bilanciato ed è accompagnato da nuovi fari con luci diurne a LED.

L'aerodinamica posteriore è evidenziata da uno spoiler posteriore maggiorato, che è integrato nel portellone e che incorpora la terza luce stop della GranCabrio MC.

Al di sotto del portellone, il paraurti posteriore è stato ridisegnato per migliorare l'efficienza aerodinamica e per incorporare al centro gli scarichi riposizionati. Nella parte inferiore del paraurti sono integrati anche nuovi convogliatori d'aria che ne stabilizzano il flusso da sotto la carrozzeria.

La GranCabrio MC monta pneumatici da 20" abbinati a cerchi in lega realizzati con tecnologia flow forming e proposti nelle finiture Titanio lucido o Grafite opaco.

Internamente la GranCabrio MC presenta nuovi sedili, più funzionali e ridisegnati esteticamente per definire nuovi standard in termini di comfort, prestazioni, eleganza e funzionalità. Il poggiatesta è integrato nel corpo dei sedili anteriori e posteriori, inoltre i sedili anteriori sono stati ridisegnati per offrire ai passeggeri posteriori 20 mm in più di spazio per la gambe.

Gli ammortizzatori "single rate" della GranCabrio MC massimizzano il carattere sportivo dell'auto e aumentano la rigidità per assicurare una tenuta di strada ottimale in tutte le condizioni di guida, senza compromettere il massimo comfort per tutti e quattro i passeggeri.

La GranCabrio MC beneficia del sistema frenante Dual Cast brevettato da Maserati, che include dischi freno in ghisa con campana in alluminio. Il sistema frenante garantisce uno spazio d'arresto di 35 metri a 100 km/h grazie alle pinze a sei pistoncini all'anteriore e a quattro pistoncini al posteriore.

IL 2012 DI MASERATI

Nel corso del 2012 Maserati ha consegnato alla rete 6.288 unità, il 2% in più rispetto al 2011. Il mercato Usa con 2.904 vetture consegnate, oltre a confermarsi il primo mercato di Maserati, ha realizzato il massimo storico degli ultimi otto anni.

La Cina, con 930 vetture ed un incremento superiore al 10% rispetto all’anno precedente, si è confermato come secondo mercato per la casa del Tridente. Ottimo l’andamento registrato nell’area Asia-Pacifico (Cina esclusa) che, con 861 vetture vendute, ha fatto registrare un incremento del 21% rispetto all’anno precedente.

L’incremento più significativo (+37%) si è registrato in Medio Oriente, area nella quale le consegne sono passate dalle 304 unità del 2011 alle 417 del 2012. Gli incrementi realizzati in tutti gli altri mercati hanno più che compensato la significativa riduzione realizzata in Europa che, con 1.071 vetture consegnate, ha registrato una diminuzione del 30% rispetto al 2011.

Maserati nel 2012 ha realizzato ricavi per 634 milioni di euro, in aumento del 8% rispetto al 2011 per effetto dei maggiori volumi di vendita.

L’utile della gestione ordinaria e l’EBIT di Maserati è stato di 42 milioni di euro (pari al 6,6% dei ricavi), in linea con i risultati del 2011. Nel 2012, i positivi effetti derivanti dell’incremento dei volumi e dalle continue azioni di miglioramento dei costi di gestione, sono stati compensati dai significativi costi sostenuti per
l’avviamento produttivo dei nuovi modelli lanciati nel 2013.

MASERATI TROFEO MC WORLD SERIES 2013


Quarta stagione alle porte per il Trofeo Maserati, il secondo consecutivo di valenza mondiale, grazie ad un calendario sempre più internazionale che prevede sei round in tre diversi continenti: Europa, America e Asia.

Il debutto è previsto sul circuito francese del Paul Ricard, il prossimo 28 aprile, con prologo dedicato ai test ospitati sul tracciato italiano di Misano il 13 e 14 aprile. Il 2 giugno sarà la volta del leggendario Nuerburgring in Germania, mentre la pista di Silverstone in Inghilterra il 14 luglio concluderà la prima parte della stagione e assegnerà il primo titolo: il Trofeo Europa, lo scorso anno ad appannaggio del belga Renaud Kuppens, vincitore poi anche della classifica finale.

Il quarto round inaugurerà i circuiti fuori dal vecchio Continente. Si partirà l’8 settembre a Sonoma in California nelle vicinanze di San Francisco, appuntamento che nel 2012 ha rappresentato il ritorno alle corse in America per la Casa del Tridente dopo i trionfi nel passato. A seguire sarà la volta dell’Asia, il 27 ottobre, a Shanghai in Cina sede lo scorso anno del gran finale del Trofeo Maserati. Il titolo 2013 sarà invece assegnato nel circuito di Abu Dhabi negli Emirati Arati Uniti, che concluderà la stagione il 7 dicembre. Il Medio Oriente tra l’altro ha già ospitato il Trofeo grazie al campionato invernale: il Maserati Trofeo JBF Rak disputato tra il 2011 e il 2012.

Il format di ogni round prevede due sessioni di prove libere da 45’, due qualifiche ufficiali da 20’, due gare da 30’ l’una e una da 50’, in cui è previsto un pit stop obbligatorio e il cambio pilota per l’equipaggio doppio (lo scorso anno questo programma era previsto solo in alcuni round).

Per rendere ancora più emozionante la sfida e per cercare di riequilibrare i valori in pista, è sarà introdotta una nuova regola che prevede un handicap per i più veloci. I primi 5 classificati delle prime due gare di ogni round (determinati dalla combinazione dei risultati) nel corso del pit stop obbligatorio della gara endurance, dovranno aggiungere oltre ai 45 secondi di sosta previsti per tutti un ulteriore cronometraggio variabile dai 20 secondi del primo ai 5 del quinto.

Le grandi protagoniste del Maserati Trofeo 2013 saranno ancora una volta le Maserati GranTurismo MC Trofeo, che manterranno le stesse specifiche tecniche del 2012, quando erano state introdotte però delle importanti novità a livello aerodinamico, nonché sull’assetto in generale con un allargamento della carreggiata e sul peso che è sceso a 1380 Kg. Tutte le Maserati GranTurismo MC che prenderanno parte al Trofeo saranno preparate ed allestite da uno staff tecnico che ne garantisce il massimo equilibrio prestazionale e adottano lo stesso set-up per ciascun weekend di gara. Invariato anche il motore, un V8 di 4.700cc. con una potenza di 488 Cv, così come le coperture Pirelli.

Il "pacchetto" del Trofeo permette ai piloti di competere individualmente o come parte di un team privato che potrà partecipare con la propria auto, in configurazione 2010, 2011 o 2012 rispettando comunque l’omologazione e la fiche tecnica rilasciata da Maserati. Il costo all inclusive del pacchetto “mondiale” (1 test e i sei round) è di 120.000 euro oltre le tasse, mentre per l’evento singolo è di 30.000 euro oltre le tasse. Per i team invece i prezzi sono rispettivamente 45.000 e 8.500 euro (senza tasse).

MASERATI E GIOVANNI SOLDINI
RECORD DA NEW YORK A SAN FRANCISCO

È record!

47 giorni, 0 ore, 42 minuti e 29 secondi per navigare a vela da New York a San Francisco passando per Capo Horn. Giovanni e il team di Maserati hanno tagliato la linea del traguardo sotto il Golden Gate Bridge di San Francisco il 16 febbraio alle ore 18 31′ 59” GMT (le 19h 31′ 59” italiane, le 10h 31′ 59” locali), stabilendo un nuovo tempo record della Rotta dell’Oro nella categoria dei motoscafi.

“Siamo felici”, è la dichiarazione a caldo di Giovanni. “La Rotta dell’Oro è un record storico, importantissimo e particolarmente impegnativo che ora porterà i colori della bandiera italiana. Maserati si è dimostrata una barca potente, veloce, tecnologica e molto affidabile.
L’equipaggio è stato straordinario, tutti molto preparati ad affrontare le situazioni più dure.
Voglio ringraziare tutti i miei compagni d’avventura e i miei partner, Maserati, BSI, Generali, Vodafone e Eataly che hanno permesso a tutti noi di realizzare un sogno”.

Giovanni e otto uomini di equipaggio sono partiti a bordo di Maserati il 31 dicembre 2012 alle ore 17 49′ 30” GMT da New York alla volta di San Francisco.
Il record precedente nella categoria monoscafi apparteneva a Yves Parlier che a bordo di Aquitaine Innovations ha impiegato 57 giorni, 3 ore e 2 minuti a compiere la tratta New York-San Francisco.